Event Marketing

Green Pass: è obbligatorio per tutti gli eventi?

gREEN PASS è OBBLIGATORIO PER TUTTI GLI EVENTI
Seguimi e condividi, se ti va 🙂
TWITTER
Visit Us
Follow Me
Instagram
LinkedIn
Share

Il Green pass, questo sconosciuto… Tutti ne parlano ma ahimè pochi sono riusciti a capire veramente a cosa serve e come ottenerlo. Ma soprattutto quello che mi chiedono in tanti è: il Green Pass è obbligatorio per tutti gli eventi? Congressi, convegni, meeting, matrimoni   ed eventi?

Bella domanda! Avete centrato il punto. Bisogna, infatti, fare molta attenzione alla tipologia di evento organizzato.
Ma andiamo per ordine. Intanto mettetevi comodi e tirate fuori dal freezer un bel gelato al triplo cioccolato per rinfrescarvi le idee (visto il caldo torrido di questi giorni).

Cos’è il Green Pass?

Da oggi, 1 luglio 2021, si apre la nuova Era del Green Pass o meglio dell’EU digital COVID certificate che nasce su proposta della Commissione europea per agevolare la libera circolazione in sicurezza dei cittadini nell’Unione europea durante la pandemia di COVID-19. Inoltre, sarà utile anche per partecipare ad eventi pubblici, per accedere a residenze sanitarie assistenziali o ad altre strutture ed eventualmente, per spostarsi anche in quelle zone definite “rosse” e “gialle”.

Chi può ottenere il Green Pass?

Domanda legittima! Niente di più semplice. Per ottenere il Green Pass bisognerà:

  • aver completato il ciclo vaccinale prescritto anti-Sars-CoV-2 da almeno 14 giorni
  • esser guariti da Covid-19 (la validità del certificato di guarigione è pari a 180 giorni dalla data del primo tampone positivo)
  • aver fatto un tampone molecolare o antigenico effettuato nelle 48 ore prima dell’ingresso in Italia con esito negativo. I minori al di sotto dei 6 anni sono esentati dall’effettuare il tampone pre-partenza.

Ricordate che il Ministero della Salute rilascia la Certificazione verde Covid-19 sulla base dei dati trasmessi dalle Regioni e Province Autonome relativi alla vaccinazione, alla negatività al test o alla guarigione dal Covid-19. La certificazione è emessa in formato digitale stampabile. Ciascun cittadino potrà ricevere una notifica o un avviso via email o via Sms che il certificato è pronto.

Ecco cosa riceverete:

“Certificazione verde Covid-19 di FR*P disponibile. Usa AUTHCODE ……… e Tessera Sanitaria su www.dgc.gov.it o App IMMUNI o attendi notifica su App IO.”

Probabilmente molti di voi l’avranno ricevuto ma non per tutti è un messaggio chiaro (io stessa ho dovuto spiegarlo a mio fratello…).

Va da sé che la certificazione è gratuita e non comporta alcun costo.

Quali canali utilizzare  per acquisire il Green Pass?

Eh già, la domanda non è banale miei cari. Ma se non aveste Internet o non foste in grado di utilizzarlo?
Poco male! Potrete sempre rivolgervi al vostro medico di base, al pediatra di libera scelta o in farmacia per recuperare la propria Certificazione verde Covid-19.

Se invece siete un po’ più “digitali” potrete recuperare la certificazione in vari modi:

Canali digitali

Via APP:

  • Immuni: è dotata di una nuova funzione che consente di scaricare la Certificazione inserendo il numero e la data di scadenza della propria Tessera sanitaria e il codice (AUTHCODE) ricevuto via email o SMS ai contatti comunicati in fase di prestazione sanitaria.
  • App IO: attraverso una notifica sul proprio dispositivo mobile, gli utenti dell’app IO (che già la usano o intendono scaricarla) che abbiano effettuato l’accesso con la propria identità digitale (SPID/CIE), potranno visualizzare la propria Certificazione direttamente dal messaggio.

Siti web:

  • Sito dedicato, è possibile utilizzare l’identità digitale (SPID/CIE) per acquisire la propria Certificazione. In alternativa è possibile inserire il numero e la data di scadenza della propria Tessera sanitaria (o in alternativa il documento d’identità per coloro che non sono iscritti al SSN) e il codice (AUTHCODE) ricevuto via email o SMS ai contatti comunicati in fase di prestazione sanitaria.
  • Fascicolo sanitario elettronico, accedendo al proprio Fascicolo sanitario regionale, è possibile acquisire la propria Certificazione.

Ma torniamo alla domanda iniziale.

Il Green Pass è obbligatorio per tutti gli eventi?

Colpo di scena: il Green Pass non è obbligatorio per tutti gli eventi ma solo per una categoria particolare.

Eh già, avete capito bene!

  • Il Green Pass è obbligatorio solo per i matrimoni e gli eventi privati.
  • Il  Green Pass  NON  è obbligatorio per congressi, convegni ed eventi.

Ma non è finita qui!

Federcongressi & Eventi (un Guru nel mondo della Event Industry) afferma che:

  • La scelta di utilizzare il Green Pass in un evento medico ECM o congressuale,  espone solo il PCO/Provider a maggiori rischi e a maggior lavoro senza aver nessuna garanzia nello svolgimento dell’evento. 
  • L’adozione del Green Pass non impatta in alcun modo, allo stato attuale della normativa, sulla riduzione delle misure di prevenzione in sede di evento.
  • L’utilizzo del Green Pass non da alcuna garanzia in termini di minor rischio di contagio
  • Adottare il Green pass in un congresso medico ECM (o evento) non impatta sulla riduzione delle misure di prevenzione 
  • L’utilizzo del Green Pass appesantisce la gestione documentale dell’evento
  • L’adozione del Green pass apre a complesse problematiche in tema di privacy
  • Non essendo obbligatorio per i congressi, convegni ed eventi ( ma solo per matrimoni ed eventi privati) il suo utilizzo rischia di creare disagi e controversie tra i partecipanti. 

Adesso vi è tutto più chiaro? Nel caso in cui aveste ancora qualche dubbio, guardate il video sotto:-)

Like Facebook

Vuoi restare aggiornato sulle ultime novità del mondo degli eventi? Iscriviti alla mia newsletter. Tranquillo, non faccio Spam 🙂

Seguimi e condividi, se ti va 🙂
TWITTER
Visit Us
Follow Me
Instagram
LinkedIn
Share

Comment here

Ti piace il mio Blog? Se ti va, condividilo :-)